mercoledì 30 maggio 2012

VIVIAMOLAq con L'Emilia



Io credo, Signore, che al termine del cammino non c'è ancora da camminare ma la fine del pellegrinaggio. Credo, Signore, che alla fine della notte non c'è più notte ma l'aurora.Credo, Signore, che alla fine dell'inverno non c'è più inverno ma primavera. Credo, Signore,che dopo la disperazione non c'è più disperazione ma la speranza. Credo, Signore, che al termine dell'attesa non c'è ancora attesa ma l'incontro. Credo, Signore, che dopo la morte non c'è ancora morte ma la vita.
(J. Folliet)





Noi Ragazzi di VIVIAMOLAq siamo vicini a tutta la popolazione dell'Emilia colpita dal terremoto.